Gino Gambera, pittore a Scordia.

Dai primi approcci giovanili, alle realizzazioni del periodo scolastico, dalle successive opere ottenute con la tecnica dello smalto sintetico, Gino Gambera ha legato in connubio inscindibile l’amore per la Natura con quello per la sua esperienza artistica, pittorica e fotografica.


Sin dai lavori iniziali, non tralasciando il “ritratto” e la “figura”, i “fiori” sono stati tra le tematiche preferite; di fiori vivi s’interessa da sempre coltivandoli nella terra.
In particolare con le Rose raggiunge una notevole competenza trasferendole, poi, dal giardino alla tela dei quadri, passando a volte, piacevolmente, attraverso l’obiettivo della macchina fotografica per delle composizioni che valorizzano la regina dei fiori in tutto il suo splendore.
Sul paesaggio, affrontato inizialmente con cautela nel generico, si concretizza l’impostazione di un discorso veramente sentito e motivato. Scaturisce così lo studio sui luoghi di Scordia che venivano già aggrediti dal cemento, destinati a scomparire del tutto o in parte.
La documentazione fotografica delle bellezze locali, conseguita con mezzi e competenza professionali, permette la creazione, la ricostruzione di immagini pittoriche di questi amati luoghi. Essi vengono comunque trattati con occhio assolutamente sprovincializzato, tale da dare un’impronta caratteristica, si, ma di gusto totale, sicchè chiunque può goderli al di là del sentimento affettivo.
La tecnica iniziale degli smalti cede il posto agli olii, agli acrilici, alla tempera e alla grafica.
La tematica si estende anche ad altre zone siciliane arricchendosi, talora, della presenza di piccole figure di giovani bucolici.
Nell’ultimo decennio si è andata affiancando una linea di ricerca che rompe gli schemi tradizionali dando una connotazione più nuova, usando metodi espressivi iconoclastici, ma non troppo …
Così, assieme alle realistiche opere, nascono anche nuovi dipinti dove il colore è l’assoluto protagonista; esso, proponendosi in grandi macchie, striature, compiture, velature, forma degli astratti giochi dove solo un piccolo particolare rivelatore indica che siamo di fronte a un paesaggio.
L’amore per la musica operistica è stata la molla per la recente nascita di una galleria di piccoli ritratti dedicati ai protagonisti del melodramma dell’ottocento, con qualche eccezione per alcuni grandi cantanti di oggi.
L’ultima esperienza, in ordine di tempo, è quella di riproporre con la ceramica i temi cari di sempre.
Infine occorre ricordare che Gino Gambera è un abile coloratore di stampe antiche, apprezzato da moltissime persone che si occupano di questo settore.

Informazioni tratte dal sito ufficiale dell’artista.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...