La poesia dialettale di Giuseppe Carruba Toscano

Giuseppe Carruba Toscano, Poesie dialettali, Palermo, Buttafuoco, 1932 [fonte]

Lu gaddinaru passa…
Signura n’avi ova?
puddasci si nni trova?
gadduzza mi nni dà?

Mangiuni… a quantu l’ova?
A mezza lira l’unu
o ogni tri trentuni
sordi, si grossi su.

Li me vossia lu sapi
su comu di pipì;
si fa pi trentatrì,
n’aiu dui voti trì.

Nenti signura mia…
abbiamu gran ribassi.
Comu? … criscinu i tassi
e l’ova hann’a calàr?…

Gnorsì… la lira uncia
e piglia chiù valuri,
ondi li pùri-pùri
calàti anchi su.

Madonna divinissima !…
comu si campa chiù !…
di trenta sordi dù
sunnu purtati a trì ?…

Si iti pì accattari
tissuti o mircanzìa,
nun c’è discinnirìa !…
Pi l’ova….. Signorsì !…

Pirchì ?… la lira uncia ?…
Unni… santu pi l’arma !…
Và… datila ssa parma
a cu la grasta à !…

Nonzi signura mia
la portu propriu a lei
e dicu: unu… sei…
sarà tra pochi dì !

Oggi il commerciu è mortu;
fù; nun cunta chiù !…
La corpa signurù
è di la Francia… già.

Ca arma e nui armammu
pi nun ni dari sutta;
p’idda ssa cosa brutta,
ca voli lu setti a Re !

Lu criu… zì Mangiuni…
L’aiu sintutu diri…
Ma ‘ntantu li suspiri
cumincianu da mè !…

Note a margine

A  prescindere dalle valutazioni strettamente poetiche, questa spassosa poesia – alla Redi – del “veterinario” ci offre un ulteriore spaccato del mondo contadino “che fu”. Oggi può essere  ricordato ancora da chi ha superato il mezzo secolo di vita. Scriviamo quindi alcune note per i più giovani perchè comprendano “come vivevamo”.

La poesia si apre con un dialogo tra il commerciante (u gaddrinaru) ambulante che, girando “ paese per paese”, comprava uova e galline e una massaia, generalmente una donna sposata che mandava avanti l’economia familiare tramite baratto. Galline e uova venivano allevate non solo per scopi alimentari, ma anche per mandare avanti l’economia domestica.

Lu gaddinaru passa…

Signura n’avi ova?

puddasci si nni trova?

gadduzza mi nni dà?

“Mangiuni” è il cognome dell’ambulante, molto diffuso inn quel di Sutera, potrebbe anche trattarsi di un forestiero. Il baratto è descritto in pochi versi utilizzando abilmente la moneta di quel tempo. Più grosso e in salute è l’animale più sale ovviamente il prezzo.

Mangiuni… a quantu l’ova?

A mezza lira l’unu

o ogni tri trentuni

sordi, si grossi su.

La signora, si vede, è una cliente abitudinaria del commerciante e, nel baratto, mostra maestria vantando e supervalutando la sua “merce”: sembrano tacchini (pipì) altro che galli! Ed alza il prezzo.

Li me vossia lu sapi

su comu di pipì;

si fa pi trentatrì,

n’aiu dui voti trì.

Ma il furbo commerciante, non potendo negare la bontà degli animali, s’appiglia alla crisi economica in cui versa la nazione. La donna di rimando fa notare al furbastro che se con l’inflazione crescono i prezzi, non si capisce come per lei invece debbano scendere.

Nenti signura mia…

abbiamu gran ribassi.

Comu? … criscinu i tassi

e l’ova hann’a calàr?…

Il commerciante le spiega che se cresce il valore della lira è normale che scenda il valore delle galline “pùri-purì”. A Milena (in quasi tutta la Sicilia) le nostre donne chiamavano a mangiare le galline con il suono onomatopeico “pùri-pù” . Pare che “pùri” derivi dal greco e significhi “vicino”, quindi sarebbe un reiterativo “vicino.vicino” nel senso di venite quì vicino a me. Gli animali si abituavano a quel suono onomatopieco e accorrevano in massa a beccare il mangime che le massaie distribuivano lanciandolo in aria dopo averlo preso dal  grembiule “fallàru” che tenevano sul davanti.

Gnorsì… la lira uncia

e piglia chiù valuri,

ondi li pùri-pùri

calàti anchi su.

E riprende la lite per la crisi… che non si capisce perchè (nun c’è discinnirìa) tutto debba salire di prezzo tranne che le “sue” uova. Persino la Madonna viene tirata in ballo per sostenere la bontà  della tesi!

Madonna divinissima !…

comu si campa chiù !…

di trenta sordi dù

sunnu purtati a trì ?…

.

Si iti pì accattari

tissuti o mircanzìa,

nun c’è discinnirìa !…

Pi l’ova….. Signorsì !…

La donna sarà stata pure (in ipotesi) analfabeta e poco informata, ma era furba tanto da  arrivare a contestare il presunto aumento della lira che gonfia (uncia) artificiosamente. Datela a bere ad un altro dice con un paragone bucolico: questa pianta andate a metterla in un apposito vaso di chi è disposto a credervi.

Pirchì ?… la lira uncia ?…

Unni… santu pi l’arma !…

Và… datila ssa parma

a cu la grasta à !…

L’ambulante, vecchio del mistiere, comincia a metterle paura e fretta: si sbrighi se non a quel prezzo perderà un buon 50%. E recita – come ancora fanno i commercianti di oggi – il funerale del commercio!

Nonzi signura mia

la portu propriu a lei

e dicu: unu… sei…

sarà tra pochi dì !

.

Oggi il commerciu è mortu;

fù; nun cunta chiù !…

La corpa signurù

è di la Francia… già.

Dando la colpa – come fanno in tanti economisti ancora oggi – a congiunture internazionali. Nel nostro caso alla corsa agli armamenti iniziata dalla Francia e subito emulata dall’Italia che non voleva restarle dietro. L’Italia nazionalista di quel tempo non poteva sopportare che i “galletti d’oltralpe” sbancassero la scena europea facendo sette e mezzo con due carte! “unendo al Re di denari, “la Matta” famosa carta-jolly del diffuso gioco Sette e Mezzo.

Ca arma e nui armammu

pi nun ni dari sutta;

p’idda ssa cosa brutta,

ca voli lu setti a Re !

E la donna alla fine cede non senza l’onore delle armi: porta pazienza ma non capisce come mai debba essere lei la prima a venire colpita dai sacrifici imposti dal governo, dall’alto: l’eterna lotta dei governanti il cui conto lo paga per primo e subito sempre il popolo.

Lu criu… zì Mangiuni…

L’aiu sintutu diri…

Ma ‘ntantu li suspiri

cumincianu da mè !…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...