Mineo negli anni Sessanta raccontata dal Cav. Francesco Receputo (1)

10924671_836792913033294_8146354790149744957_o

A giugno nella biblioteca comunale un incontro dedicato all’illustre concittadino

Mineo negli anni Sessanta raccontata dal Cav. Francesco Receputo (1)

Nell’autunno del 1960 si svolgono a Mineo le elezioni anticipate, per la crisi di una giunta che Receputo aveva previsto: «Per la mania che Padre Pepe ha da sempre coltivato, nel cercare il nuovo e non valorizzare gli elementi più idonei alla politica, anche questa volta è stato commesso un grosso errore. Per il quale si dovette pagare un prezzo molto alto, nei mesi successivi. La Lista Unificata nasce con pochissimi elementi validi e preparati politicamente per potere dare al Sindaco una fattiva collaborazione, sia in Consiglio che in Giunta». Si vota il 6 novembre, la Dc è divisa per la scelta dell’ing. Santi di Maura di presentare una propria Lista Civica contro il candidato sindaco Dc dott. Agrippino Carcò. Altri candidati sono il Prof Giuseppe Mazzone (Psi), il prof. Giuseppe Tamburino (Pci) il sig. Mario Blangiforti di Sebastiano (Msi), l’avv. Giuseppe Lauria (Lista Milazziana). Sebbene dalle urne fosse uscito vincitore il candidato Dc, quest’ultimo si dichiara indisponibile a esercitare la carica di sindaco. A seguito di lunghe trattative, il 20 gennaio 1961 si arriva a costituire una giunta di coalizione che riunifica la Democrazia Cristiana, guidata da Di Maura. Ne fanno parte il dott. Corrado Di Blasi (Vice sindaco e Lavori Pubblici), ing. Santo Ialuna (Igiene e Sanità), prof. Armando Cocomero (Pubblica Istruzione e Turismo), il Cav. Francesco Receputo (Stato Civile e supplente Lavori Pubblici), insegnante Giuseppe Salerno (Assistenza e Beneficienza), sig. Francesco Receputo (omonimo nato nel 1915, Annona). Subito vengono intrapresi molti interventi e lavori pubblici come il nuovo muro di cinta di Via Marino e Sopra Marino, i nuovi bagni pubblici in Viale della Rimembranza, la pavimentazione di Largo San Pietro, la scuola di Borgo Lupo.
Tra le tante opere pubbliche alcune non sono viste bene da tutti. Il 30 novembre 1961 preti e associazioni cattoliche di Mineo si uniscono in una “vibrata protesta” contro l’amministrazione perché nel corso di lavori di abbattimento di una parte del muro di cinta del sagrato di Santa Agrippina – sostituito con la scalinata attualmente visibile – erano venute alla luce un gran quantitativo di ossa umane che a quanto pare sarebbero state buttate in discarica fuori porta senza tanti complimenti.
Tanto attivismo non viene premiato, sorgono forti dissensi all’interno della Giunta e il caso viene portato davanti alla Commissione Provinciale di Controllo, che annulla ventisette delibere. Il Sindaco viene sfiduciato e sostituito con un commissario, il dott. Giuseppe Salerno, fino alle elezioni della successiva estate. Durante il commissariamento, il 24 luglio 1961, il ministro per la Pubblica Istruzione firma il Decreto di istituzione della scuola media a Mineo. Altri provvedimenti stabiliti dallo Stato riguardano un consistente finanziamento per migliorare l’Ospedale del paese e la soppressione del locale carcere giudiziario. Contro quest’ultima decisione governativa si pronunciano votando un ordine del giorno condiviso l’Acli, la Cisl, l’Azione Cattolica e la Coldiretti, ma senza successo. Altre importanti opere pubbliche che ancora oggi svolgono una utile funzione per il paese verranno realizzate con fondi statali nel corso del 1962 e in seguito, mentre il grande progetto del “borgo al bivio” verrà definitivamente accantonato. (continua…)

Leone Venticinque, per la Società di Studi Menenini

Si vedano anche:
Il Fondo Receputo, una fonte per la storia contemporanea di Mineo, “Alba Siciliana” 2014.07.07, n. 9;
Dalle memorie di F. Receputo – Mineo sessanta anni fa, “Alba Siciliana”, 2014.07.14, n. 10.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...